Home

Il Ministro Corrado Passera, con direttiva del 27 febbraio 2012, nell'ottica del superamento dell'inefficienza del comparto della logistica delle merci, che costa al Paese quasi 40 miliardi di euro l'anno e che rende meno competitivo il nostro sistema economico, ha indicato alla Consulta generale per l'autotrasporto e per la logistica le linee di attività per il 2012 e, in tale ambito, ha chiesto alla Consulta di indicare le azioni ritenute prioritarie per l'attuazione del Piano Nazionale della Logistica.

Le Linee guida del Piano Nazionale della Logistica 2011/2020 erano state già approvate il 2 dicembre 2010 dalla Consulta, dopo un ampio confronto su tutto il territorio nazionale con gli operatori istituzionali ed economici, ed apposite audizioni parlamentari.

Nell'ambito dei lavori per l'attuazione delle linee d'azione individuate nel nuovo Piano Nazionale della Logistica, sono stati completati 4 studi di approfondimento e di analisi strutturale degli aspetti più importanti del Piano, individuandone punti di forza e di debolezza, anche al fine di definire un nuovo assetto logistico e infrastrutturale per lo sviluppo del Paese.

 

Il 29 maggio 2012 la Consulta Generale per l'Autotrasporto e per la Logistica, in esecuzione della direttiva ricevuta dal Ministro Passera, ha approvato la prima parte del programma di attuazione del Piano Nazionale della Logistica; sono quattro proposte operative che potranno dare risultati importanti già nel corso di quest'anno, in quanto finalizzate ad ottimizzare:
  1. La scelta del Franco destino in luogo del Franco fabbrica

Altri studi, accompagnati con alcune ipotesi proposte attuative del Piano nazionale della logistica sono stati presentati dal presidente della Consulta dell'autotrasporto e della logistica, Bartolomeo Giachino e dai proff. Rocco Giordano, Andrea Boitani, Giacomo Borruso, Andrea Gilardoni, Fulviolino Di Blasio, Massimo Marciani, nel corso di un incontro svoltosi a Roma il 26 luglio 2012. Le indagini e le proposte attuative riguardano:

  1. Costi del «non fare» il PNL
  2. Supporto operativo e tecnico-specialistico per la messa a sistema e l’ottimizzazione della filiera del farmaco nell’ambito dell’attuazione del PNL
  3. Processo di filera distribuzione urbana delle merci, finalizzato all’attuazione dell’accordo anci-consulta per l’attuazione del PNL
 
 
 
 
Frutto di due anni di studi degli esperti del Comitato Scientifico della Consulta: Boitani,  Bologna, Dallari, Gros-Pietro, Incalza, Giordano e Riguzzi, delle ricerche delle migliori Università italiane, della Bocconi, del Politecnico di Torino,  dell'Istiee, dello Svimez, della Università di Genova, di famosi Enti di ricerca e di centinaia di incontri con gli operatori logistici del nostro Paese, consultati come mai prima.
Si può dire che sul tema del trasporto merci e della logistica é il documento più completo e strategico  di cui dispone il nostro Paese, anche  perché indica proposte e soluzioni suggerite dagli operatori.
E' un lavoro al servizio di chi, Governo e Parlamento, voglia lavorare alla competitività del Paese, presupposto indispensabile per il ritorno ad una maggiore crescita economica e occupazionale.
 
 
 
PNL documentato da "IL MESSAGGERO MARITTIMO" - Torino 9 luglio 2010 - Prato 26 marzo 2012
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Trasporti e logistica - Un motore di sviluppo da rilanciare

Trasporti e Logistica sono la terza filiera del nostro Paese, valgono oltre il 10% del PIL italiano e occupano quasi 1 milione di persone. A causa della carenza di infrastrutture e a causa di una organizzazione da riformare oggi la logistica italiana è meno competitiva di quella olandese o tedesca e incide del 20% in più' sui costi del nostro sistema produttivo. Rilanciare la logistica e i trasporti come fattore di competitività e crescita è l'impegno dell'ex sottosegretario ai trasporti.

Leggi tutti gli articoli su Trasporti e logistica

Economia e lavoro a Torino e in Piemonte

Torino e il Piemonte culla della industria e dello sviluppo economico del nostro Paese da anni crescono meno della media nazionale. Torino oggi è al primo posto per disoccupazione giovanile e per numero di cassaintegrati. GIACHINO che per primo nel 2008 lanciò l'allarme inascoltato da Fassino e Chiamparino, prosegue nel suo impegno. Dopo aver fatto la battaglia per porta a Torino l'Authority dei trasporti e perché l'Aeroporto di Torino non venisse declassato dal Governo Renzi ora si batte per la Tav, per il Terzo Valico e per riportare a Torino il Salone dell'Auto e della Tecnica.

Leggi tutti gli articoli su Economia e lavoro

Sicurezza stradale - Un impegno per la vita

L'Italia nel 2002 era al primo posto per incidenti e mortalità sulle strade (7.000 morti). Con due leggi del Governo Berlusconi, la Patente a punti del 2003 e la riforma del Codice della Strada del 2010 incidenti e morti sono dimezzati sino ai 3.200 del 2014. GIACHINO che ha seguito per conto del Governo a Berlusconi l'ultima riforma del Codice (legge 120/2010) prosegue il suo impegno a favore della vita è della sicurezza dei cittadini e degli automobilisti.

Leggi tutti gli articoli sulla Sicurezza stradale

Autotrasporto

E’ mia convinzione la necessità di una politica industriale del trasporto merci che lo strutturi maggiormente e lo renda competitivo a livello nazionale ed europeo, una politica che rilanci la crescita economica, sviluppi l'efficienza logistica e aumenti la domanda di trasporto per il sistema trasportistico italiano.

E una politica industriale del settore sarà tanto più forte quanto più sarà unito il mondo associativo e migliore il rapporto con la committenza.

Leggi tutti gli articoli sull'Autotrasporto

 

Piano Nazionale della Logistica

Libro di Giachino Bartolomeo - Logistica e Trasporti - I edizione

Libro di Giachino Bartolomeo - Logistica e Trasporti - II edizione

@MinoGiachino

Foto - Interviste - Video