Home

 

       Bartolomeo Giachino                                           

lettera aperta di Mino GIACHINO ai segretari regionali dei partiti .
Carissimi,
Con la pubblicazione dello studio della FIOM sul fortissimo calo della produzione di Auto a Torino la politica non può più stare ferma.
Da anni parlo invano del declino economico di Torino e del Piemonte. Ora la situazione è diventata  pesantissima. Dallo studio della FIOM e’ chiaro che  la situazione era visibile già dieci anni fa quando qualcuno diceva che a Torino la trasformazione era un caso di successo.
Augurandomi che vi siano ancora margini di recupero Vi scrivo pregandovi di mettere subito al centro della politica piemontese e nazionale  la situazione economica in generale e la situazione dell’auto in particolare. 
Torino e il Piemonte hanno dato ma hanno ricevuto anche molto dal settore Auto. Posti di lavoro, crescita del benessere, ricerca scientifica , sviluppo urbano . Torino e il Piemonte con gli stabilimenti automobilistici, con i Centri di ricerche Fiat e Gm, con il Salone dell’Auto hanno rappresentato per decenni nel mondo Torino e la sua gente operosa.
Negli anni 50,60,70,80 la politica era attentissima alle scelte della Fiat da quelle felici a quelle meno felici. 
Negli ultimi anni invece la attenzione delle Amministrazioni alla economia produttiva e alla Fiat si è molto attenuata e Torino  ha perso.
Dal 2001 al 2018 mentre il PIL nazionale cresceva di 1,8 punti, il Piemonte perdeva 1,6. Nel calo economico della nostra Regione ,di Torino d del Paese il calo della produzione delle auto negli stabilimenti torinesi ha sicuramente influito . Meno male che l’indotto si è trasformato e ha tenuto.
Molti però negarono il declino di Torino come dice oggi anche  il segretario della FIOM. I dati dello studio della FIOM sono pesantissimi. 
Nel 2009 con gli incentivi il Governo di cui ho avuto l’onore di far parte diede un contributo alla ripresa delle produzioni. Io stesso al Governo destinai quasi 100 milioni per la sostituzione dei vecchi camion con i nuovi Euro 5. 
Le Amministrazioni torinesi però stettero troppo passive.
Occorre intervenire urgentemente.
Con il Movimento SITAV abbiamo salvato la TAV ma se perdiamo l’auto il danno sarebbe gravissimo per tutto il Paese.
Il Piemonte deve portare la questione AUTO a livello nazionale prima che sia troppo tardi. 
Vi ringrazio molto della attenzione,
Mino GIACHINO 
Associazione SILAVORO SITAV 
 
Seguimi su FB e su www.giachinobartolomeo.it
 
 
Fca, produzione dimezzata
13:11 Lunedì 02 Settembre 2019
 
Negli ultimi vent'anni, si è passati da quasi un milione e mezzo di vetture a 670mila. L'allarme della Fiom: "Dal 2007 mai un anno senza cassa a Mirafiori" e i posti di lavoro si sono ridotti del 41 per cento. La 500 elettrica non potrà garantire la piena occupazione - TABELLEfirst_pictureDal 1999 al 2018 la produzione Fca di auto in Italia si è dimezzata, da 1.410.459 a 670.932 vetture, con un calo del 41 per cento dei posti di lavoro e del 35 per cento delle ore lavorate. In questo contesto Torino “è un buco nero” e la Maserati di Grugliasco “è a rischio”. Le vetture prodotte in Italia, nel decennio 1999-2008, sono state oltre 10 milioni a fronte di 5,6 milioni del decennio successivo. È l’allarme della Fiom che presenterà una ricerca sull’auto, realizzata con la Fondazione Claudio Sabattini, alla Festa torinese, al via giovedì presso la società operaia di Beinasco. Venerdì è atteso il leader Cgil, Maurizio Landini, mentre sabato ci sarà un confronto tra la leader Fiom, Francesca Re David e il presidente di Federmeccanica,Alberto Dal Poz. “L’ultimo anno in cui non c’è stato utilizzo degli ammortizzatori sociali a Mirafiori è stato il 2007 – spiega il segretario della Fiom torinese, Edi Lazzi – e in Piemonte nell'auto si sono persi 18mila posti di lavoro e circa 30mila lavoratori sono coinvolti dalla cassa integrazione. In media lavorano il 65 per cento del tempo”.

A Mirafiori, nel 2006, si producevano 218mila vetture, con sei modelli, e nel 2018 si è arrivati a 43mila unità nell’intero polo dell’auto torinese. La Fiom torinese parla di “punto di non ritorno” e lancia l’allarme sulla possibile chiusura di uno stabilimento nel comprensorio di Torino. Anche l’arrivo della 500 elettrica a Mirafiori, “evento certamente positivo” per l’organizzazione cigiellina, infatti, “non potrà garantire la piena occupazione” dal momento che, ha spiegato Lazzi, “l’obiettivo di vendere 20mila unità sembra essere molto ambizioso per un unico modello commercializzato”. Da qui l’appello a “prendere di petto la situazione e aprire un tavolo di crisi dell’automotive che preveda tutti i soggetti politici, sindacali e istituzionali”.

Leggi qui la ricerca

Maserati vive un presente estremamente negativo e, come confermano gli ultimi dati di vendita, la crisi è molto più marcata di quanto si potesse immaginare sino a pochi mesi fa. A rimettere le cose nel verso giusto dovrebbe pensarci il nuovo piano industriale, anticipato sul finire dello scorso mese di luglio, che prevede il lancio di ben dieci nuovi modelli tra il 2020 ed il 2023. Attualmente, la produzione si concentra principalmente intorno al “Polo del Lusso” torinese con lo stabilimento di Mirafiori che produce il Levante e lo stabilimento di Grugliasco che produce la Ghibli e la Quattroporte. A completare la gamma del Tridente ci sono le supercar GranTurismo e GranCabrio prodotte a ritmi ridottissimi nello stabilimento di Modena.

 
 
 
 
 
 

Trasporti e logistica - Un motore di sviluppo da rilanciare

Trasporti e Logistica sono la terza filiera del nostro Paese, valgono oltre il 10% del PIL italiano e occupano quasi 1 milione di persone. A causa della carenza di infrastrutture e a causa di una organizzazione da riformare oggi la logistica italiana è meno competitiva di quella olandese o tedesca e incide del 20% in più' sui costi del nostro sistema produttivo. Rilanciare la logistica e i trasporti come fattore di competitività e crescita è l'impegno dell'ex sottosegretario ai trasporti.

Leggi tutti gli articoli su Trasporti e logistica

Economia e lavoro a Torino e in Piemonte

Torino e il Piemonte culla della industria e dello sviluppo economico del nostro Paese da anni crescono meno della media nazionale. Torino oggi è al primo posto per disoccupazione giovanile e per numero di cassaintegrati. GIACHINO che per primo nel 2008 lanciò l'allarme inascoltato da Fassino e Chiamparino, prosegue nel suo impegno. Dopo aver fatto la battaglia per porta a Torino l'Authority dei trasporti e perché l'Aeroporto di Torino non venisse declassato dal Governo Renzi ora si batte per la Tav, per il Terzo Valico e per riportare a Torino il Salone dell'Auto e della Tecnica.

Leggi tutti gli articoli su Economia e lavoro

Sicurezza stradale - Un impegno per la vita

L'Italia nel 2002 era al primo posto per incidenti e mortalità sulle strade (7.000 morti). Con due leggi del Governo Berlusconi, la Patente a punti del 2003 e la riforma del Codice della Strada del 2010 incidenti e morti sono dimezzati sino ai 3.200 del 2014. GIACHINO che ha seguito per conto del Governo a Berlusconi l'ultima riforma del Codice (legge 120/2010) prosegue il suo impegno a favore della vita è della sicurezza dei cittadini e degli automobilisti.

Leggi tutti gli articoli sulla Sicurezza stradale

Autotrasporto

E’ mia convinzione la necessità di una politica industriale del trasporto merci che lo strutturi maggiormente e lo renda competitivo a livello nazionale ed europeo, una politica che rilanci la crescita economica, sviluppi l'efficienza logistica e aumenti la domanda di trasporto per il sistema trasportistico italiano.

E una politica industriale del settore sarà tanto più forte quanto più sarà unito il mondo associativo e migliore il rapporto con la committenza.

Leggi tutti gli articoli sull'Autotrasporto

 

Piano Nazionale della Logistica

Libro di Giachino Bartolomeo - Logistica e Trasporti - I edizione

Libro di Giachino Bartolomeo - Logistica e Trasporti - II edizione

@MinoGiachino

Foto - Interviste - Video