Home

 

       Bartolomeo Giachino                                           

Mi permetto allegare la risposta a GAD LERNER che ieri mattina su Repubblica sosteneva che la TAV e’ uno spreco. Mino GIACHINO (335.6063313)
Egregio GAD LERNER la TAV non è uno spreco ma ci terrà dentro il futuro..
Signor LERNER,
Lei e’ sicuramente un bravo giornalista ma sulla TAV non ha , leggendo il suo scritto, tutti gli elementi per dire che è uno spreco. Neanche il nostro comune amico Bruno Manghi , ottimo sociologo sindacale, ha gli elementi per dire ciò. Intanto partiamo da dati corretti. 
Tra le poche cose che stanno crescendo nel mondo vi sono il turismo, lo scambio delle merci e il PIL mondiale. Appunto. Nella economia globale aumentano via via, mano mano che il PIL procapite cresce , lo scambio delle merci e il turismo. Non a caso la quantità di merci che attraversano le Alpi (216 milioni di tonnellate)ha superato notevolmente la quantità precrisi (190 milioni di tonnellate) mentre come Lei sa il PIL italiano e’ ritornato ai livelli del 1999.
Manghi e’ un divoratore di libri ma forse non ha letto Cavour o ad esempio Rosario Romeo ne “la Vita di Cavour”. Legga pagina 202 e scoprirà che per Cavour attraversare le Alpi e’ come respirare.
Intanto non ci si può limitare a parlare del Tunnel Torino Lione perché quel tunnel fa parte della Rete europea di trasporti sul futuro, tutta su rotaia, con l’obiettivo di  diminuire la quota di trasporto passeggeri e merci su gomma, diminuire l’inquinamento e la incidentalità stradale. 
Di più . 
Nel 2030 la Rete europea di trasporti dell’Europa su rotaia collegherà il più Grande Mercato di consumi del mondo. 
Chi sarà dentro quella rete ne avrà benefici in termini di attrazione di investimenti, attrazione di turismo e di logistica. Chi sarà fuori , sarà fuori.
A Lei e a Manghi non hanno spiegato che la linea se non passasse dalla Valle di Susa potrebbe passare da Ventimiglia e via Genova per raggiungere di li Milano e poi dirigersi verso Budapest. In questo modo Torino già deindustrializzata e oggi impoverita sarebbe ancora più impoverita per i prossimi Cento anni. 
Non sto qui a farle previsioni numeriche ma quello che è certo è che con la TAV , Torino e il Piemonte saranno dentro la rete dei trasporti del futuro. Senza la Tav ci condanneremmo all’isolamento.
Ecco perché il 14 Giugno  dello scorso anno ho scritto una Petizione SITAV  su Change.org che ha avuto ben 113.300 adesioni. E molti di quelli che hanno aderito accolsero l’invito che io, insieme a altri amici torinesi, feci il 2 Novembre 2018 per partecipare alla prima Grande Manifestazione SITAV.
Mi emozionai a vedere quella Piazza strapiena. 
Quella Piazza ha cambiato le decisioni politiche e ha fatto dire al Premier Conte che l’interesse nazionale sta nel costruire la TAV, avendo l’Europa, nel frattempo, deciso di raddoppiare il proprio contributo economico. 
Le posso assicurare che non ho interessi in alcuna azienda di lavori pubblici . L’unico mio riferimento sono i tanti senza lavoro che negli ultimi anni a Torino e in Piemonte sono raddoppiati.
La ringrazio della attenzione e continuerò a leggerla su Repubblica.
Mino GIACHINO 
SITAV SILAVORO SIAMBIENTE
335.6063313

Trasporti e logistica - Un motore di sviluppo da rilanciare

Trasporti e Logistica sono la terza filiera del nostro Paese, valgono oltre il 10% del PIL italiano e occupano quasi 1 milione di persone. A causa della carenza di infrastrutture e a causa di una organizzazione da riformare oggi la logistica italiana è meno competitiva di quella olandese o tedesca e incide del 20% in più' sui costi del nostro sistema produttivo. Rilanciare la logistica e i trasporti come fattore di competitività e crescita è l'impegno dell'ex sottosegretario ai trasporti.

Leggi tutti gli articoli su Trasporti e logistica

Economia e lavoro a Torino e in Piemonte

Torino e il Piemonte culla della industria e dello sviluppo economico del nostro Paese da anni crescono meno della media nazionale. Torino oggi è al primo posto per disoccupazione giovanile e per numero di cassaintegrati. GIACHINO che per primo nel 2008 lanciò l'allarme inascoltato da Fassino e Chiamparino, prosegue nel suo impegno. Dopo aver fatto la battaglia per porta a Torino l'Authority dei trasporti e perché l'Aeroporto di Torino non venisse declassato dal Governo Renzi ora si batte per la Tav, per il Terzo Valico e per riportare a Torino il Salone dell'Auto e della Tecnica.

Leggi tutti gli articoli su Economia e lavoro

Sicurezza stradale - Un impegno per la vita

L'Italia nel 2002 era al primo posto per incidenti e mortalità sulle strade (7.000 morti). Con due leggi del Governo Berlusconi, la Patente a punti del 2003 e la riforma del Codice della Strada del 2010 incidenti e morti sono dimezzati sino ai 3.200 del 2014. GIACHINO che ha seguito per conto del Governo a Berlusconi l'ultima riforma del Codice (legge 120/2010) prosegue il suo impegno a favore della vita è della sicurezza dei cittadini e degli automobilisti.

Leggi tutti gli articoli sulla Sicurezza stradale

Autotrasporto

E’ mia convinzione la necessità di una politica industriale del trasporto merci che lo strutturi maggiormente e lo renda competitivo a livello nazionale ed europeo, una politica che rilanci la crescita economica, sviluppi l'efficienza logistica e aumenti la domanda di trasporto per il sistema trasportistico italiano.

E una politica industriale del settore sarà tanto più forte quanto più sarà unito il mondo associativo e migliore il rapporto con la committenza.

Leggi tutti gli articoli sull'Autotrasporto

 

Piano Nazionale della Logistica

Libro di Giachino Bartolomeo - Logistica e Trasporti - I edizione

Libro di Giachino Bartolomeo - Logistica e Trasporti - II edizione

@MinoGiachino

Foto - Interviste - Video